Credito d’imposta: investimenti nel mezzogiorno

(fonte italiacontributi.it)

DECRETO LEGGE SUD:

E’ stato Approvato l’emendamento governativo al  “decreto legge Sud”, che amplia l’aumento delle aliquote applicate al credito d’imposta per i beni strumentali, nonché i criteri di accesso.

NUOVE ALIQUOTE:

Per le grandi aziende si passa dall’attuale 10% al 25%;  per le medie imprese si passa dal 15% al 35% e per le piccole imprese si passa dal 20% al 45%.

BENEFICIARI:

Tutte le società e gli enti titolari di reddito d’impresa ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo).

AGEVOLAZIONE:

Il beneficio consiste nel riconoscimento di un credito d’imposta, da utilizzare mediante modello F24,  per l’acquisto di beni strumentali nuovi effettuati tra il 2016 e il 2019 a partire dalla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL, quindi per tutti gli acquisti effettuati successivamente a tale data.

CUMULABILITA':

Il Credito di Imposta è anche cumulabile con il superammortamento del 140%.

CONTRIBUTO:

La misura dell’agevolazione è differenziata in relazione alle dimensioni aziendali: 45% PMI; 35% Medie Imprese; 25% Grandi Imprese.

MASSIMALE:

Tetto massimo per ciascun progetto d’investimento passa a 3 milioni di euro e a 10 milioni per le medie imprese.

INVESTIMENTI AMMESSI:

Investimenti facenti parte di un progetto di investimento iniziale relativi all’acquisto, anche tramite leasing, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive nuove o già esistenti.

PERIODO AMMESSO:

investimenti realizzati a decorrere dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019 effettuati successivamente alla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL.

MODALITA':

utilizzo diretto tramite F24.

SCADENZA:

31 dicembre 2019.