Incentivi Beni Strumentali: dal 2 gennaio 2017 riparte la Sabatini

Riparte il 2 gennaio 2017 la misura di incentivazione delle piccole e medie imprese – Nuova Sabatini ter per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature.

CONTRIBUTO

Contributi per la copertura degli interessi su finanziamenti bancari compresi tra 20.000 e 2 milioni di euro. E’ inoltre disponibile un fondo di garanzia per l’acceso al credito bancario.

BENEFICIARI

Il bando è rivolto a micro, piccole e medie imprese.

FINALITA’

Lo strumento agevolativo è finalizzato ad accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature.

OBIETTIVO

L’obiettivo è incentivare la manifattura digitale e incrementare l’innovazione e l’efficienza del sistema imprenditoriale anche tramite l’innovazione di processo e/o di prodotto..

PROGETTI AMMESSI

Investimenti realizzati dalle micro, piccole, e medie imprese per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica. Sono compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

AGEVOLAZIONE MASSIMA

Contributo del 2,75% annuo sugli investimenti ordinari. Possibilità di accedere ad un contributo maggiorato del 30% – quindi al 3,575% annuo – per la realizzazione di investimenti in tecnologie digitali .

RISORSE DISPONIBILI

Le nuove risorse finanziarie stanziate dal Parlamento con la legge di bilancio 2017 arrivano a 560 milioni di euro.

PROCEDURA

L’impresa presenta alla banca o all’intermediario finanziario, unitamente alla richiesta di finanziamento, la domanda di accesso al contributo ministeriale, attestando il possesso dei requisiti e l’aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Dopo l’adozione della delibera di finanziamento da parte della banca, il Mise procede, in tempi molto contenuti, alla concessione del contributo e a darne comunicazione all’impresa;

DOMANDE

Le domande vanno presentate a partire dal 2 gennaio 2017.