Perché, in fondo, in California, i fichi d’india non ci crescono! (…e gli scimpanzé non consegnano la posta)

La lettura è fresca fresca: l’articolo risale a, solo, ieri.

Il ragionamento ancora frulla caoticamente in testa: ma era necessario esternarlo.

D’altronde la testata che ha pubblicato il pezzo è quella che detta il mainstream del movimento delle start-up in Italia.

E son sicuro che a molta gente si saranno drizzati in testa i capelli, e altri avranno storto il muso: è quello che mi capita quando me ne vengo fuori con una frase tipica: “la Sicilia non è ( e non potrà/dovrà mai essere) la Silicon Valley”   (insieme a   “Si fa presto a dire start-up”, ormai un ritornello…ma, chissà, forse un giorno vedrò le reazioni che mi aspetto).

L’esempio di mailchimp

L’articolo su Mailchimp forse però riesce a rendere l’idea meglio di quanto sia capace io; o perlomeno così posso trovare conforto nelle lucide analisi degli “esperti”.

La storia è presto raccontata: Mailchimp è un’azienda di marketing via e-mail (“così facili da utilizzare che ci riuscirebbe anche uno scimpanzé”, dicono i fondatori). Mailchimp non ha mai raccolto un soldo di venture, non prepara “pitch” (presentazioni aziendali sintetiche e significative); niente stock option, niente incubatori, e soprattutto non ha sede in California.

L’autore del pezzo, ne fa risalire il successo (400 milioni di dollari di fatturato previsti per il 2016 e 700 dipendenti! ndr.) ad “aver fatto tutto al contrario di come viene fatto di solito, ma facendolo bene!”.

Il succo è…

La storia è pittoresca, ma il succo – per noi almeno – è questo: se ti trovi con una buona idea ad Atlanta, e non a San Francisco, non devi rinunciare alla tua idea, non devi trasferirti in California, né, men che meno, devi pensare di trasformare la Georgia in un modellino in scala della Silicon Valley. Devi semplicemente trovare il modo di farlo “alla Georgiana”: devi cioè analizzare e comprendere quali sono le caratteristiche dell’ecosistema in cui ti trovi e adattare la tua idea a questa condizioni. La tua sarà sempre una start-up, l’obiettivo è sempre raggiungere il successo e il rischio di fallire sarà sempre quello che avresti in California: ma dipende solo da te, dal valore della tua idea e quanto sarai cosciente della realtà ( e – SOLO in questo caso – ci starebbe bene un   “quanto sarai consapevole  nel fare impresa”).

Nessuno qui vuol fare contropropaganda al movimento delle start-up; nessuno attenta alla dignità degli start-upper.

Ci piace mettere in guardia i nostri amici dalle chimere e dai pusher di illusioni.

Potete! Si, ma solo se saprete essere consci della terra su cui poggiate i piedi!

 

P.S. E visto che ci piace, vi lasciamo con il solito: “Si fa presto a dire start-up!